Posta Elettronica Certificata

 

Entro il 29 novembre 2011 tutte le Società (comprese le Società Semplici) sono obbligate a comunicare al Registro Imprese, istituito presso la Camera di Commercio, il proprio indirizzo di POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (PEC).

Le Società di nuova costituzione hanno già dovuto adempiere a tale comunicazione in sede di iscrizione, le altre Società dovranno provvedere entro la data indicata.

A comunicazione avvenuta, diventa importante la gestione quotidiana della PEC, infatti, all’indirizzo di posta elettronica pubblicato, tutte le Amministrazioni (Agenzia delle Entrate, Registro Imprese, Inps, Inail, ecc.) potranno comunicare con l’impresa semplicemente inviando una e-mail e tale comunicazione avrà valore di raccomandata con ricevuta di ritorno.

Peraltro il grande vantaggio fornito da questa tecnologia è che anche tra soggetti privati, se la comunicazione avviene tra due caselle PEC, viene conservato il valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Gli Amministratori delle Società dovranno pertanto obbligatoriamente:

  • Installare la PEC comunicata in CCIAA sul programma di posta elettronica del PC, in modo da poter visualizzare i messaggi ricevuti;

  • Leggere giornalmente le e-mail (vi sono società fornitrici delle PEC che ad un prezzo leggermente più alto rendono un servizio di comunicazione tramite messaggio sul cellulare quando arriva una e-mail sulla PEC)

  • Controllare la data di scadenza della PEC (normalmente la scadenza è annuale o biennale) e provvedere al suo rinnovo prima della scadenza;

  • Comunicare immediatamente al Registro imprese l’eventuale variazione di indirizzo della PEC

Fimaa Torino offre ai suoi associati la possibilità di attivare tre tipi di caselle di Posta Elettronica Certificata, a dominio fimaatorinopec.it, con costi a partire da 10 euro.

ACCEDI ALL'AREA RISERVATA PER IL DETTAGLIO DEI COSTI